Filtra: 

Attività dimagranti... e non

In palestra esistono migliaia di voci su "come fare per dimagrire...", c'è chi sostiene che un allenamento con i pesi ad alte ripetizioni sia più produttivo di un'ora di tappeto e chi invece sostiene l'esatto contrario.
Per provare a fare un pò di chiarezza bisogna fare due passi indietro e guardare un pò più in profondità nel nostro corpo, cercando di capire cosa succeda quando noi ci alleniamo.
Da qui introduciamo il concetto dei metabolismi energetici.

Partiamo dal presupposto che i metabolismi energetici sono tre:

  1. Metabolismo aerobico;
  2. Metabolismo anaerobico alattacido;
  3. Metabolismo anaerobico lattacido.

Ma ancor prima ce n'è un altro, ugualmente importante, il metabolismo cellulare.


Vediamo in cosa si differenziano questi tipi di metabolismi e cerchiamo di scegliere quello più opportuno al dimagrimento.
Il Metabolismo cellulare non è altro che la continua trasformazione di ATP (Adenosintrifosfato) in ADP (adenosindifosfato), l'ATP diventa ADP dopo aver ceduto una parte d'energia (es. dopo la contrazione muscolare); questo processo può avvenire in due modi: in presenza di ossigeno oppure in assenza di ossigeno.
 

In presenza di ossigeno

Entro in gioco il Metabolismo aerobico, il quale grazie all'incontro, nel torrente circolatorio, di zuccheri e grassi con l'ossigeno riesce ad innescare una serie di reazioni chimiche tali che zuccheri e grassi "bruciano", fornendo energia al nostro corpo (ATP -> ADP -> ATP).

Quindi l'energia ci viene fornita solo ed esclusivamente dalla combustione di zuccheri e grassi.

Questo metabolismo agisce quando il movimento NON è intenso ed è prolungato nel tempo, per rendere meglio l'idea ci possiamo basare sui battiti cardiaci, seguendo questa semplice formula: 220 - ETA' x 60%/75%. Questa formula indica la soglia minima e massima nella quale i nostri battiti cardiaci devono stare per rimanere nel metabolismo aerobico.
 

In assenza di ossigeno

In questo caso saranno due i metabolismi ad agire: Lattacido e Alattacido. Il Metabolismo Lattacido entra in funzione quando l'attività è molto intensa e prolungata nel tempo (15-20-25-30 ripetizioni) e il sangue non riesce più a penetrare nei tessuti muscolari, quindi i grassi sono isolati al suo interno e la "combustione" di essi è impossibile. Gli zuccheri invece riescono a scindersi producendo Acido Lattico, che sarà il principale protagonista nella trasformazione di ADP ad ATP, e quindi saranno proprio gli zuccheri che forniranno parte della loro energia prima di diventare lattato.

Il Metabolismo Alattacido invece entra in funzione con sforzi brevi e intensi (10 secondi), la produzione di acido lattico è nulla e la fonte principale di energia è derivata dal Creatinfosfato (CP).

Alla luce di tutto ciò, tenendo conto dei metabolismi energetici e delle loro funzioni, quale può essere l'attività (e quindi il metabolismo) migliore per impostare un' attività dimagrante?
Il metabolismo aerobico con le dovute osservazioni (battito cardiaco) è l'attività per eccellenza se ripetuta per almeno 45/60 minuti per seduta di allenamento.



Marco Ruozi

Autore: 

Contenuti correlati (da Tag)

Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Filtro contenuti

Filtra: 
DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd