Filtra: 

Come scegliere il proprio Personal Trainer

Quante volte, consapevoli di aver bisogno di un tipo d'allenamento particolare o soltanto per eseguirlo per un certo periodo di tempo, secondo particolari modalità, abbiamo avuto difficoltà nella scelta di un Personal Trainer.

Certo l'offerta del servizio si manifesta attraverso una moltitudine di individui, pur bravi e consapevoli dell'importanza del proprio ruolo, dei quali, però, spesso abbiamo difficoltà a comprendere le specifiche competenze e, in ultima istanza, il campo d'azione.

Mi spiego meglio.
Ogni tecnico dello sport, a mio sommesso avviso, ha conoscenze che mai sconfinano nell'onniscienza. Si impone allora una scelta di quel personal trainer che più di un altro si adatta alla necessità del cliente al fine di soddisfarlo quanto più è possibile.

Spesso l'aspetto caratteriale è l'elemento che spinge il futuro cliente a fare la scelta.
E' sicuramente importante che "a pelle", si instauri un rapporto di fiducia e "approvazione" tra le due figure del suddetto rapporto contrattuale. Il trainer sceglie sempre meno di quanto non faccia il cliente, ma anche da parte sua qualche considerazione viene effettuata.

Personalmente non scelgo individui che della motivazione iniziale non fanno il proprio biglietto da visita.
Saranno poi i risultati raggiunti che daranno ulteriore linfa a questo rapporto. Ma se già all'inizio l'atteggiamento di chi "deve" collaborare non è pieno, allora si inizia con riserve mentali, che possono nuocere ai fini del raggiungimento dell'obiettivo sperato.

Non si pensi che il risultato finale sia desiderato solo dal cliente. Infatti, un buon trainer vive la medesima realtà del cliente e l'insuccesso di quest'ultimo è la "disfatta" dello stesso tecnico.
Inviterei chi si affaccia ad un rapporto contrattuale di questo genere a verificare i titoli della persona nelle cui mani ci si affida. e tutto questo con dei costi che, spesso, risultano considerevoli. Il minimo che in sede di primo approccio deve valutarsi è la conoscenza della problematica che ha spinto alla ricerca del tecnico col quale si opererà.

Dimagrimento, tonificazione, allenamento di minori (portatori, e non, di patologie), protocolli d'allenamento per il cliente diabetico, depresso, iperteso o, semplicemente in stato interessante, richiedono competenze che tutti, allo stesso modo, non sempre riescono ad offrire pienamente. In fondo nessuno nasce, o diventa tuttologo.

Altro aspetto da valutare è la disponibilità del tecnico sul fronte degli orari che si richiedono.
Un ottimo tecnico, molto spesso, sarà impegnato più ancora di uno di più basso livello. Ma nulla toglie che anche chi ha intrapreso da poco questa attività professionale, quantunque con meno esperienza, non sia meritevole d'attenzione ai fini della scelta.
Ognuno ha, però impegni d'ogni genere, professionali e familiari in primis, quindi una preliminare valutazione della "disponibilità" di tempo nell'arco della settimana e dei giorni spesso può essere l'elemento, mai disgiunto dagli altri che sfocia nella scelta vera e propria.

A conclusione mi permetto di invitare chi si appresta ad allacciare un tal simile rapporto di collaborazione di farlo senza riserve di sorta o perché così facendo si è più più "alla moda" di altri. Scelte di questo genere niente hanno a che vedere con la realtà dello sport.
Divertimento si, ma anche sacrificio e abnegazione. In fondo, non è la vita stessa tutto questo?

Ultimi Contenuti da

Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Filtro contenuti

Filtra: 
DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd