Filtra: 

Ritenzione Idrica: come procedere

La ritenzione idrica è la predisposizione di un soggetto ad accumulare liquidi (o solutinegli spazi extracellulari del corpo. Colpisce maggiormente i soggetti femminili rispettoquelli maschili. Il ristagno di questi liquidi tende a localizzarsi soprattutto negli arti inferiori e si va spesso a sovrapporre al tessuto adiposo.
Spesso la ritenzione idrica viene confusa con l’accumulo adiposo, ma tale dubbio si risolve tramite BIA. A parte il fatto che il tessuto adiposo è pressoché anidro (povero di acqua), la ritenzione ha a che fare con i liquidi e/o soluti che si insinuano negli spazi extracellulari del corpo.

Ovviamente per i medici essa rappresenta un segno premonitore di invecchiamento precoce del soggetto.
La sua origine è multifattoriale e può essere causata da vari problemi quali:

  1. surrenalici;

  2. renali;

  3. cardiaci;

  4. venosi;

  5. linfatici;

  6. ecc.

 

Può anche essere favorita o aggravata da incongrua attività fisica e/o da errata alimentazione; come in questo caso:
Soggetto Femminile (distribuzione del grasso di tipo Ginoide);


Età: 30 Anni;

Altezza: 1.68 Mt;

Peso : 61 Kg;

Attività: Casalinga;

BMI: 21,6 (Normopeso)

BPM a riposo: 72

Obiettivo: Dimagrire Cosce

Frequenza Allenante: 4 volte la Settimana (quasi esclusivamente cardio).

Il Soggetto in esame in Palestra effettua cardio sfruttando i simulatori aerobici (tapis roulant- stepper, glide, ecc) con range di frequenza cardiaca determinata con la classica formuletta: (220 - età) x 60-70% della FCMAX. Purtroppo tale allenamento le scatena cortisolo (ormone dello stress - surrenalico), il quale smonta le proteine muscolari i cui soluti in esse contenuti invadono gli spazi extracellulari aggravando
la ritenzione idrica.

Questo quadro è ulteriormente aggravato dal Soggetto che ha repentinamente ridotto l’apporto dei carboidrati (pane, pasta, frutta) nella dieta; il risultato è che ha “addormentato” la tiroide, la quale ha prodotto i suoi effettivbloccando il dimagrimento e la mobilizzazione del grasso corporeo.

Cosa fare? Innanzitutto occorre affidarsi ad un PT esperto in tali problematiche (meglio se Laureato in Scienze Motorie) che possibilmente lavori in sinergia con un Dietologo; quest’ultimo si occuperà della parte alimentare e dell’eventuale integrazione.

 


Nello Iaccarino

Prodotti Correlati

Alcuni prodotti consigliati per questo argomento

I nostri Servizi

Ecco i Servizi che abbiamo pensato per te

Autore: 

Ultimi Contenuti da

Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Schede Allenamento

Alcune schede proposte da PTOnline

Prodotti in evidenza

Alcuni prodotti proposti da PTOnline

Filtro contenuti

Filtra: 
DMC Firewall is a Joomla Security extension!