Filtra: 

Contenuti per tag: esecuzione esercizi


Allenamento Spalle: Errori Da Evitare

Scopri in questo video il principale errore da evitare per quanto riguarda l’aumento della massa muscolare delle spalle anche a casa. Fondamentalmente devi bilanciare esercizi di spinta per il petto e le spalle con quelli di tirata per la schiena per un discorso funzionale e preventivo a livello dell’articolazione della spalla. Non allenare direttamente i deltoidi anteriori e assicurati di allenare al meglio la cuffia dei rotatori. In questo ti assicuri di non avere problemi nel lungo periodo a livello arruolare.

Continua...

Shoulder Press: i principali errori da evitare

Scopri in questo video come evitare alcuni errori alla Shoulder press per aumentare la massa muscolare delle spalle nell’ambito autoconsapevolezza in palestra sempre con tecnica impeccabile e con scapole addotte e depresse. Espira quando contrai ed inspira nell’altra fase da eseguire lentamente perché la fase eccentrica è sicuramente quella migliore. Evita di inarcare la schiena sempre con un carico adeguato rispetto al tuo grado di forza. Evita inoltre di allenare in maniera troppo importante i capi frontali dei deltoidi che intervengono in tutti gli esercizi di spinta per il petto.

Continua...

Allenamento Gambe a Casa con 1 Bilanciere

Scopri in questo video un allenamento per le gambe a casa con 1 bilanciere per aumentare la massa muscolare efficacemente sempre nell'ambito autoconsapevolezza con il focus sulle sensazioni in termini di pompaggio muscolare massimizzando tempo sotto tensione e connessione mente muscolo per i migliori risultati con la fase eccentrica che è la migliore per generare uno stress a carico del muscolo. Espira quando contrai ed inspira nell'altra fase da eseguire lentamente per la massima efficacia. Lo squat si suddivide in 2 fasi: neòòa prima definita " hip hinge" sposti il bacino all'indietro con il carico principalmente sui talloni per poi scendere in accosciata con la zona centrale a livello del corpo contratta per una buona postura.

Continua...

Esercizi Pettorali: meglio le Croci o le Spinte?

Scopri in questo video sia siano meglio le croci o le spinte per aumentare la massa muscolare dei pettorali anche a casa con poco peso nell’ambito autoconsapevolezza in un contesto in cui le sensazioni muscolari in termini di pompaggio muscolare rappresentano il fine ultimo mentre i carichi utilizzati sono solo il mezzo. Espira quando contrai ed inspira nell’altra fase da eseguire lentamente perché la fase eccentrica è quella più efficace. Movimento lento e controllato massimizzando tempo sotto tensione e connessione mente muscolo con buona enfasi anche sulla consapevolezza muscolare. Il vantaggio delle croci è che ti permettono di escludere tricipiti e deltoidi anteriori che non vanno mai allenato direttamente. Ovviamente poi prova tutto su di te e sentendo al meglio i muscoli che lavorano sempre con le scapole addotte e depresse, trova l’esercizio dei due che ti dà le migliori sensazioni.

Continua...

Esercizi Gambe: meglio Squat con Bilanciere o Hack...

Scopri in questo video se sia meglio eseguire lo squat con bilanciere o l’hack squat con bilanciere per aumentare la massa muscolare anche a casa sempre nell’ambito autoconsapevolezza in un contesto in cui i carichi utilizzati rappresentano soltanto il mezzo mentre il fine ultimo è rappresentato dal pompaggio muscolare. Espira quando contrai ed inspira nell’altra fase da eseguire lentamente per la massima efficacia perché la fase eccentrica è la migliore nel generale lo stimolo a carico del muscolo. Lo squat è composto da due fasi: nella prima definita “hip hinge“ sposti il bacino all’indietro con il peso principalmente sui talloni quindi solo dopo scendi in accosciata. Movimento lento e controllato massimizzando tempo sotto tensione e connessione mente muscolo.

Continua...

Esercizi Pettorali: Alzate Trasversali

Sei in piedi con le gambe leggermente piegate, la zona centrale del corpo in termini di core contratta per mantenere una buona postura e la schiena che ovviamente mantiene le proprie curve fisiologiche. Seleziona due manubri in termini di peso che puoi gestire al meglio per una corretta esecuzione. Le braccia saranno completamente estese. Esegui il movimento in maniera lenta e controllata con massima focalizzazione su contrazione e pompaggio espirando quando contrai ed inspirando nell’altra fase da eseguire lentamente per la massima efficacia. Non portare il manubrio al di sopra delle spalle. Con questo esercizio andremo ad allenare con più efficacia la porzione clavicolare dei pettorali ossia i pettorali alti escludendo i tricipiti.

Continua...

Cibi light: davvero salutari?

Durante l’ultimo decennio si è assistito ad un incremento esponenziale dell’offerta di prodotti alimentari classificati come “light” e “low calories” che hanno come obiettivo quello di apportare un quantitativo di grassi e di calorie inferiori nella dieta quotidiana. Tutto ciò è nato da un costante aumento della popolazione obesa/sovrappeso mondiale, tant’è che anche l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) l’anno scorso ha voluto rivedere e ridettare le linee guida sull’alimentazione ricalcolando i famosi GDA (Guideline Daily Amounts ovvero i valori giornalieri di riferimento). Per trasformare un alimento (ad esempio le sottilette) in un altro alimento light (ad esempio le sottilette light) occorre togliere il grasso. Ma cosa succede ad un alimento se lo si priva del grasso? Che perde di sapore, il gusto diventa simile ad un foglio di carta ed ecco che l’industria alimentare deve controbilanciare questo “effetto collaterale”: si aggiungono zucchero, additivi chimici e aromi affinché il consumatore finale non si accorga di nulla. Il trucco del marketing è quello di pubblicizzare questi prodotti come salutari e adatti alla perdita di peso, sfoggiando nelle pubblicità in tv e sulle confezioni a caratteri ben delineati la famosa scritta “light” oppure “10% di calorie in meno”, ecc… Eccoci quindi al cospetto di mozzarella, maionese, biscotti, torte, spalmabili, gomme da masticare, gelati, ecc... tutto light! Quindi se è light fa bene, fa dimagrire e posso mangiare quanto voglio. Ma è davvero così? Riprendiamo le nostre Sottilette (in questo caso le kraft), dunque la versione “base” ha per singola fetta 63kcal, 4,3gr di proteine, 0,9 gr di carboidrati (di cui zuccheri 0,9gr) e 4,5gr di grassi. La versione “light” ha per singola fetta 49kcal, 5,1gr di proteine, 2,4gr di carboidrati (di cui zuccheri 1,8gr) e 2,4gr di grassi. Visto che i media e la pubblicità in generale si basano esclusivamente sull’apporto calorico (quantità di calorie in un cibo) ecco che il consumatore, che ha scelto di fare una vita più sana o di perdere qualche chilo, sceglierà le 49kcal della sottiletta light rispetto alle 63kcal della sottiletta normale. In realtà, ciò che fa REALMENTE la differenza, è la qualità delle calorie assunte: dai valori nutrizionali dei due prodotti si evince chiaramente come il quasi dimezzamento dei grassi (da 4,5gr a 2,4gr ) sia stato bilanciato con una quasi tripla porzione di zucchero (da 0,9gr a 2,4gr). Lo zuccherò farà innalzare immediatamente i valori di insulina nel sangue creando inevitabilmente una conversione da zucchero in grasso ed immediato immagazzinamento (sui classici punti: pancia, fianchi, gambe, sedere, ecc). Senza tralasciare il non meno importante fattore dipendenza: ricordiamoci che lo zucchero è come la cocaina o l’eroina. I prodotti light sono prodotti dalle stesse industrie che producono i prodotti “base”, queste industrie non hanno come obiettivo la salute del consumatore ma solo quello di vendere… e molto! Da notare anche la fittizia dicitura light nei cereali: esaminati vitalis muesli croccante miele e mandorle dove per 100gr si hanno 479kcal, 21gr di grassi, 59gr di carboidrati e 10gr di proteine rispetto a vitalis light croccante classico dove per 100gr si hanno 437kcal, 16gr di grassi, 57gr di carboidrati, 11gr di proteine… praticamente due prodotti quasi identici, ma sulla confezione dei vitalis light appare una bella scrittona “ –37% di zuccheri rispetto alla media dei cereali croccanti più venduti”, sarebbe stato più corretto scrivere “solo 2gr in meno di zucchero rispetto alla nostra versione base”. Per perdere peso e condurre uno stile di vita sano ciò che dovete tenere sotto controllo non è il numero di calorie ingerite e il numero di calorie bruciate, ma la qualità delle calorie ingerite in un contesto bilanciato e con il giusto supporto dell’attività fisica. Soprattutto dovete ELIMINARE definitivamente i cibi industriali preconfezionati di tutte le versioni e modelli, a favore di cibi non lavorati e come si troverebbero normalmente in natura (difficile trovare un pacco di gocciole che cresca su di un albero…magari è più facile trovare delle mele, albicocche, ecc..) Altrimenti si potrebbe cadere in quel baratro di depressione e frustrazione in cui: “Ma non è possibile, ho mangiato poco, sto mangiando tutto light o con poche calorie, mi muovo e non riesco a perdere peso”. Ogni cibo che noi ingeriamo ha un effetto metabolico all’interno dell’organismo: è inutile conoscere il suo valore calorico se non si conosce l’effetto che avrà all’interno del corpo!       Francesco Moschillo

Continua...

Cioccolato sì? O cioccolato no?

Il cioccolato, al quale tutti noi siamo abituati, un tempo, col nome " xocoatl " veniva venerato e considerato bevanda degli dèi dall'antico popolo degli Aztechi, questo perché essi erano riusciti a comprendere le innumerevoli virtù dei semi del cacao, che appunto veniva e viene tuttora utilizzato per la preparazione del cioccolato. Purtroppo nei giorni nostri questa delizia perde molto della sua originaria composizione, infatti per via del sapore amore si iniziò ad aggiungervi zucchero, escludendo fra l'altro l'uso di spezie, soprattutto il peperoncino.   Perché il cioccolato fa bene? Basti pensare che esso deriva da un seme capace (se piantato) di dare origine a una nuova forma di vita. I semi di cacao sono ricchissimi di grassi, in maggioranza rappresentati dall'acido oleico, lo stesso dell'olio d'oliva, un grasso monoinsaturo da preferire ai lipidi animali contenuti in burro, strutto o ai grassi idrogenati ben più dannosi caratteristici dei cibi spazzatura. Il vero tesoro di questo alimento, comunque, è la sua grande ricchezza in polifenoli, un uso regolare di cioccolato (60g al giorno con il 70% di cacao) aumenta notevolmente la capacità antiossidante del sangue. Non è trascurabile anche la presenza di minerali come magnesio e potassio, proantocianidine e tannini. Il cioccolato può diventare un arma a vostro favore quindi, preferito a dolci ricchi di zuccheri e oli vegetali che possono favorire l'insorgenza di placche ateromatose. E' molto importante ricordare che anche frutta e verdura contengono antiossidanti, ma questi ultimi lavorano in sinergia tra di essi e perciò bisogna garantire al nostro organismo la più possibile vastità e varietà di alimenti che li contengono per far sì che essi ci aiutino a raggiungere la forma fisica migliore, fuori e dentro. Giorgio Mimini

Continua...

Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Filtro contenuti

Filtra: 
Our website is protected by DMC Firewall!