Filtra: 

Contenuti per tag: dimagrire


Corsa e dimagrimento

Tra le domande più frequenti c’è sicuramente questa: “Come devo correre per dimagrire?” Domanda al quanto complessa, poiché per ognuno di noi vi è una risposta ben diversa dalle altre. Sicuramente nella corsa è utile un cardiofrequenzimetro, poiché è fondamentale monitorare la frequenza cardiaca in modo constante durante l’attività. La massima frequenza cardiaca si calcola facendo: 220 - età, quindi supponiamo che la persona che mi ha rivolto la domanda abbia 50 anni otteniamo una frequenza cardiaca massima di 170 battiti al minuto. Logicamente bisogna considerare il peso, l’altezza, l'indice di massa corporea (abbreviato IMC o BMI, dall'inglese body mass index), patologie, infortuni, soggetto fumatore ecc. ecc. Secondo la teoria più utilizzata negli ultimi 20 anni consideriamo che il maggior cosumo di grassi si ha intorno al 60 e 70 % della fc max. quindi il soggetto che mi ha fatto la domanda dovrebbe correre a 120 bpm per 30-40 minuti. Oggi come oggi la “teoria del 60 – 70 %”  è divenuta piuttosto arcaica, ed è oggetto di numerose critiche. Difatti oggi giorno si usano molto di più sessioni di interval training!… ovvero la tecnica di allenamento che prevede fasi di corsa a intensità superiori alla soglia anaerobica alternate a fasi di intensità minore nelle quali si corre a un'intensità che è inferiore a detta soglia. Io personalmente consiglio ancora il vecchio metodo e soprattutto un modo efficace per dimagrire e consumare grasso sarebbe quello di correre dopo il digiuno notturno, quindi di mattina prima della colazione. Molti bodybuilder lo utilizzano ancora oggi con successo. Nel caso il citato soggetto faccia presente che è bradicardico, magari parliamo di una bradicardia lieve tra i 50 ed i 59 bpm... Nulla di cui preoccuparsi… La frequenza cardiaca di alcuni ciclisti professionisti al mattino si aggira intorno ai 30 bpm, quindi sveglia, e correre…

Continua...

Esercizi per dimagrire per donne

In questo video scopriamo tanti esercizi utili ed efficaci per dimagrire e migliorare la forma fisica. Si possono eseguire a casa oppure in palestra con pochissimi attrezzi e a corpo libero. Il suggerimento, considerato comunque che è necessario tenere conto delle differenze individuali è di eseguirli non più di 2/3 volte a settimana con adeguato riposo perché il corpo possa recuperare adeguatamente.

Continua...

Fitness funzionale e circuit training la super com...

L’allenamento a circuito,  più comunemente chiamato Circuit training, è uno dei metodi di allenamento del fitness funzionale, che preferisco, assieme agli allenamenti HIIT e TABATA . In questo articolo voglio parlarti del circuit training per poterti allenare nel migliore dei modi con questo metodo di allenamento. Il circuit training ti farà scoprire un nuovo modo di allenarti  Mi sono innamorata del fitness funzionale talmente tanto che ho deciso di diventare  un’istruttrice di Functional training e ormai lo sono da tempo. Ho trovato il mio stile di allenamento. Quando ho iniziato ad allenarmi cosi non pensavo quanto 15-20min al giorno potessero cambiare la mia vita e mi sono ricreduta già dopo un mese, quando ho iniziato a vedere i primi risultati! Provare nuovi metodi di allenamento mi permette di variare sempre workout, in questo modo posso darti maggiori scelte e allenarti nei modi migliori per raggiungere i tuoi risultati. Prima di farti conoscere i benefici e come funziona l’allenamento a circuito, puoi subito scaricare il programma di 4 settimane da svolgere in modo costante per raggiungere i tuoi risultati e provare subito adallenarti insieme a me con l’allenamento a circuito: FIT BODY ONE Il circuit training è composto da diversi esercizi, a corpo libero o con l’utilizzo di attrezzi,  da seguire in successione senza pausa tra loro per un tempo o per un numero di ripetizioni prefissato. Il circuito è completato quando sono stati eseguiti tutti gli esercizi nell’ordine stabilito e può essere ripetuto più volte. Questo metodo di allenamento, fu ideato nel 1956 da Morgan e Adamson, due professori del Dipartimento di educazione fisica dell’Università di Leeds, in Inghilterra. Negli anni seguenti l’allenamento a circuito si affermò in molti settori, dagli ambienti scolastici a quelli militari, sportivi e riabilitativi. L’allenamento a circuito aiuta a raggiungere diversi obiettivi come: migliorare e potenziare la muscolatura in generale, rendendo il corpo tonico e snello; allenare tutto il corpo per renderlo armonico; migliorare e sviluppare la forza e la resistenza; ottenere dei risultati efficaci dal punto di vista cardiovascolare e del dimagrimento aumentando il metabolismo. Il circuit training e il metodo HIIT sono tutti e due ottimi per rinforzare, tonificare, migliorare il ritmo cardiovascolare e la muscolatura in genere. Ti chiederai allora che differenza c’è tra i due metodi? Differenza tra circuit training e HIIT l’allenamento a circuito, come hai letto prima, non prevede pause tra un esercizio e l’altro, inoltre si eseguono esercizi mirati ad una singola parte del corpo; con l’allenamento HIIT, si eseguono esercizi che coinvolgono tutto il corpo, intervallati tra loro da una piccola pausa. Cosa aspetti? Se non hai mai provato nessuno dei due tipi di allenamento non perdere tempo e  provali subito! Allenamento HIIT  Allenamento a circuito FIT BODY ONE Spero che questo articolo possa averti chiarito di più sui metodi di allenamento funzionale e se hai delle domande... contattami pure. 

Continua...

Correre: serve davvero per dimagrire?

in questo video sfato un altro mito presentissimo nella testa di chi vuole mettersi in forma: la mitica corsetta al parco. Ovviamente lungi da me il fatto di condannare una pratica sana come la corsa. Quello che però voglio sottolineare è che ci sono strategi molto più efficaci e che permettono di mantenere il risultato nel tempo.Nel video le vedremo nel dettaglio, e capirai anche alcuni meccanismi che avvengono nel tuo corpo, tra cui quelli dell'insulina, che possono ridurre di molto le possibilità di perdere grasso se non le sfruttiamo al meglio

Continua...

E tu sai che cibi scegliere per dimagrire veloceme...

In una dieta per dimagrire velocemente, puoi scegliere se usare l'alimentazione per migliorare o peggiorare il tuo benessere attraverso i cibi che acquisti. Alcuni alimenti, di cui magari non conosci gli effetti perché si travestono da cibi sani, sono in realtà la principale causa dell'accumulo di chili in eccesso. Si tratta di alimenti che sono generalmente considerati buoni e salutari e quindi può succedere che pur facendo attenzione e preparando i pasti pensando di scegliere correttamente cosa mangiare, non riesci a dimagrire velocemente come vorresti. In commercio esistono cibi facilmente etichettabili come dannosi, cibi che certamente non fanno dimagrire e anzi sono la causa di molti problemi di salute tra cui l'obesità. Tra questi citiamo i più comuni come le patatine fritte, le bibite gassate o i cibi prodotti con farine raffinate che sono quindi da evitare in una dieta per perdere 10 kg. Altri invece non sono così facili da individuare perché si è sempre creduto che fossero sani e benefici o addirittura indicati in un programma per dimagrire velocemente. Qualche esempio? Lo yogurt. Anche se spesso lo si associa alla dieta e al mangiare sano la maggior parte degli yogurt che trovi al supermercato è ricca di zuccheri aggiunti e subisce lavorazioni industriali che ne alterano le proprietà benefiche. Un altro esempio?Le zuppe e le minestre confezionate e poi ancora, la maggior parte dei prodotti che riportano scritte come "light", "senza grassi", o altri prodotti dietetici tipo le barrette ipocaloriche e i pasti già pronti. Impara a leggere sempre le etichette degli alimenti che acquisti ed evita tutti quelli che hanno più di 5 ingredienti o nomi di composti chimici talvolta impronunciabili. Se leggi zucchero come primo ingrediente significa che quel particolare prodotto è ricco di zucchero. Stai lontano dai cibi che sull'etichetta riportano ingredienti come l'olio vegetale parzialmente idrogenato. Si tratta di un ingrediente anche conosciuto sottoforma di “grassi trans”, legato a problemi di salute gravi come l'obesità e problemi legati al colesterolo nocivo (LDL). Esistono al contrario dei cibi che vengono spesso considerati grassi e banditi da tutte le diete per dimagrire velocemente quando in realtà contengono un alto quantitativo di sostanze benefiche e valori nutrizionali come ad esempio i pistacchi o il cioccolato fondente. Se vuoi perdere 10 kg o mantenere il tuo fisico in forma, esistono alcuni cibi che sono estremamente salutari e non dovrebbero mai mancare nella tua dispensa. Come regola generale ti suggerisco di scegliere la semplicità. Prediligi quei cibi che non hanno una lista di ingredienti perché il cibo stesso è di per sé l'ingrediente. Fra questi ci sono i Super Foods come i mirtilli, i frutti rossi in generale, le noci e le mandorle, i broccoli, gli spinaci e la verdura a foglia verde scuro. E la lista è davvero illimitata... Se vuoi seguire una dieta per dimagrire velocemente, concentrati su questi cibi e non pensare a quelli che non puoi mangiare perché fanno ingrassare. Il suggerimento che voglio darti per aiutarti a perdere 10 kg e restare in forma è: analizza giorno per giorno quello che mangi. Scrivi su un quaderno quali sono le tue scelte alimentari perché è solo visualizzandole concretamente sulla carta che puoi modificarle in modo consapevole. Indipendentemente dalle abitudini alimentari che hai seguito fin'ora, a partire da oggi puoi cambiarle e migliorarle per il tuo benessere, per dimagrire velocemente e per mantenere la forma fisica.

Continua...

Coaching: trovare un senso... a quel che ci accade

La vita è come l'acqua: non può tornare sui suoi passi. Bisogna capire il suo significato nel presente. (Romano Battaglia)   Siamo spesso ostinati a trovare un senso a ogni costo a quello che accade. Ci sono situazioni in cui quel senso è palese, si mostra, nudo e crudo; ve ne sono altre più nebulose, in cui la parola "senso" non sembra trovare un posto ben preciso. La nostra mente si arrovella, rimugina. Quanto di più dannoso per il nostro equilibrio: l'atto del rimuginare ovvero del girare attorno sempre alla stessa immagine, alla stessa frase ripetuta nella mente centinaia di volte! Dovremmo riuscire a tagliare quel corto circuito che ci fa surriscaldare e manda in tilt la nostra attenzione, il nostro sorriso. Non è semplice. E continuiamo a ricercare, come cacciatori di tesoro, un significato che sfugge: la mente razionale ci impone di capire la logica, la causa che ha portato alla conseguenza, altrimenti non torna nulla e questo infastidisce. Cosa accade di così irritante? Perdiamo il senso del controllo: dobbiamo avere il pugno della situazione, essere in grado di rispondere se interrogati sul divenire degli eventi e spiegare, dire tutto per filo e per segno e se quel filo non si intesse, siamo ansiosi, insofferenti. Proviamo a stoppare la mente: osserviamoci nel sentire questo turbinio di pensieri. Come sta il nostro corpo? Come ci muoviamo? Com'è il nostro respiro? E le emozioni, come fluttuano, se fluttuano? La ricerca spasmodica del significato ultimo non è un atto dovuto: è un meccanismo appreso, che si innesca per ragioni che appartengono al nostro vissuto, al filtro che inconsapevolmente applichiamo alla realtà. Sentiamoci liberi di fare un respiro: accettiamo quanto accade con atteggiamento critico e osservatore, ma non censore. C'è una bella differenza e noi ne usciamo sempre innocenti, mai colpevoli. Maria Cristina Caccia 

Continua...

Obiettivo perdere peso (Raggiungi la forma fisica ...

Quanto ti sono piaciute, in chili, le varie sagre estive, e quanto ti è costato, in calorie, il pranzo di Ferragosto? A giudicare dai messaggi che ho ricevuto, direi che parecchie maniglie dell’amore si sono decisamente irrobustite... Ricordi la domanda della Pillola 28? Eccola: “Si può mantenere il peso forma grazie al coaching?”. A grande richiesta, ho preparato due schede per raggiungere l’obiettivo. Puoi averle GRATIS! Iscriviti al mio sito http://www.massimobinelli.it e ricevi la Guida per la tua Crescita Personale.

Continua...

L'importanza delle misurazioni

In questo video impariamo l'importanza di effettuare costantemente le misurazioni nel tuo percorso di dimagrimento o aumento della massa muscolare. In tanti altri video ho spiegato l'importanza di darsi degli obiettivi specifici e misurabili per essere sicuri di poterli raggiungere. Oggi vediamo come sia fondamentale tenere monitorata la situazione durante tutto il percorso e a cadenza settimanale o ogni 15 giorni. Vedremo anche quali misurazioni prendere, che non sia semplicemente il peso che come ho trattato in altri video può trarre in inganno.

Continua...

L'incanto della mente

Capitano, a volte, situazioni in cui si è talmente concentrati su una convinzione che non si riesca a discernere la parola scritta da quello che crediamo ci sia scritto. Esempio classico quando si riceve un sms, in cui leggiamo un significato, in mancanza di punteggiature e codici veloci e abbreviati, inclusa qualche sbavatura linguistica, che, in realtà non è quello inteso dal mittente, eppure si dà una risposta secondo quello che si è fissato nella mente, attraverso un’emozione. Poi accade che un lumino improvviso si accende e… finalmente vediamo quello che in realtà era un semplice senso che non poteva essere frainteso, era lì, a guardarci, nella sua ingenua verità. Quante volte leggiamo significati che, di fatto, non appartengono a quella situazione? Sono automatismi della mente che si attivano, attraverso una nostra “parte” o Subpersonalità in termini psicosintetici, per cui “diventiamo e vediamo altro” da ciò che siamo e da ciò che avremmo dovuto intendere in modo oggettivamente incontrovertibile. In pieno “ruolo attivato” funzione mentale e funzione emozionale si intrecciano e possono distorcere la “mappa” e rimandarci un “falso intendimento”. Spesso siamo in balìa di queste “Subpersonalità” che ci fanno essere oggi in un modo, domani in un altro, con il datore di lavoro un altro ancora, e via dicendo: non siamo pazzi o disgregati, bensì siamo parti e dovremmo impegnarci a fondo per “sintetizzare” queste nostre “voci”, dando spazio e cittadinanza a ognuna di loro, cercando di “vederle” ogni volta che si manifestano. Una parola molto cara a Goleman è attenzione: è importante prestare attenzione a sé stessi, al proprio stile comunicativo ed espressivo, al proprio sentire, al proprio modo di intrecciare i pensieri, i dubbi, le zone d’ombre che ci fanno diventare diffidenti a prescindere. Siamo “mondi complessi” e dobbiamo andarci piano, che la mente è come una sirena incantatrice a volte: ci fa credere di aver perso il lume della ragione e, in realtà, si sta portando dove vuole lei. Gli automatismi sono davvero potenti: impariamo a riconoscerli. Provate a scrivere, per una settimana, la sera, ritagliandovi un momento per voi, quello che avete vissuto, in sintesi, durante il giorno, provate a tornare sul vostro stato d’animo in due o tre situazioni diverse: come eravate, sempre gli stessi? Che linguaggio avere utilizzato? Negativo o positivo? Eravate titubanti, sospettosi oppure i pensieri fluivano liberamente? Come stavate emotivamente? Scegliete tre momenti della giornata, mattino, pomeriggio e sera e provate… avete prestato attenzione a sufficienza?   Il nostro cervello è fatto in modo che l’attenzione sia tanto più alta quanto più un avvenimento suscita emozioni. (Piero Angela)   Maria Cristina Caccia

Continua...

Pagina 1 di 4
Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Filtro contenuti

Filtra: 
DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd