Filtra: 

Contenuti per tag: pensiero positivo


La neutralità dell'albero

Pensa che in un albero c'è un violino d'amore. Pensa che un albero canta e ride. Pensa che un albero sta in un crepaccio e poi diventa vita.(Alda Merini)   La nostra vita quotidiana può essere paragonata a un albero. Partiamo dalle radici. Essa si radica nel passato, all'origine, alla nascita. Nel tempo si consolida e il piccolo essere umano cresce, così come si sviluppa e diventa possente il tronco, da ramoscello, ad arbusto ricoperto di tenace corteccia. E così spuntano i rami, che si muovono verso l'alto, guardano il cielo e si protendono quasi a chiamare altri rami oltre l'orizzonte. Arrivano le chiome verdastre, rigogliosi capelli di un adulto ormai formato. L'Uomo segue il medesimo percorso: nasce, si origina, si struttura e, passando attraverso le fasi di crescita, diventa grande. L'albero è statico, osserva la realtà e non cambia posizione, ma guarda ogni cosa da diverse angolazioni: dalla terra, al centro, alla posizione sopraelevata delle lunghe braccia che lo sovrastano e lo riempiono di vigore. Dovremmo essere come l'albero, resiliente a ogni attacco, intemperia, possente, ben radicato, ma con lo sguardo a un altrove che sa di spirituale, etereo: avere radici, nell'Io, ma andare alla ricerca del proprio Sé, in quello spazio che si fa immensità e che dà voce ai nostri obiettivi, alla nostra crescita evolutiva, quella dell'anima e della consapevolezza di ciò che vogliamo diventare. Un buon "grounding" aiuta a guardare la vita scorrere e a non esserne totalmente invasi. Come facilitarlo? Attraverso la pratica della consapevolezza del "ciò che accade qui e ora", nel presente, nel momento in cui respiro e sento, mi muovo e parlo: è nel presente che la vita ci appare e in quel "hic et nunc" dovremmo rimanere in ascolto di noi. Mentre laviamo i piatti oppure telefoniamo o, ancora, stiamo mangiando, mentre svolgiamo azioni che sembrano banali, proviamo a focalizzarci su ciò che stiamo facendo, rimaniamo lì e osserviamo. Il futuro lo costruiamo adesso e ne determiniamo la qualità. Esso, di per sé non esiste, se non sotto mentite spoglie come attore protagonista di un calendario, che abbiamo troppa fretta di riempire, dimenticandoci che oggi siamo. Facciamo come l'albero: esso è fermo, integerrimo, lì ad assaporare ogni secondo, ogni battito. Pondera ogni veduta e rimane comunque se stesso, cambiando al cambiar delle stagioni che, metaforicamente diventano per noi fasi di sperimentazione ciclica, in cui, a ogni passaggio, abbiamo di nuovo la possibilità di cambiare strada, di scegliere oppure di accettare quello che giorno dopo giorno impariamo ad accogliere, abbandonando il controllo e la pretesa di volere decidere come andranno le cose. Vivere è lasciarsi attraversare da un fremito senza dirigerne la rotta.

Continua...

Diventa un Atleta Vincente in Cinque Passi (Prepar...

Nella quarta sessione del videocorso Atleta Vincente (http://atletavincente.com), parlo di Strategie da adottare in allenamento e di Autovalutazione della propria prestazione. Inoltre, grazie alla “Scheda Obiettivo SMART-P”, uno strumento potente che ho progettato per aiutare gli agonisti a definire i loro obiettivi sportivi, che trovi sempre nella quarta sessione, puoi individuare i tuoi punti di forza, i tuoi punti deboli e le azioni immediate da intraprendere, ma soprattutto puoi imparare a percorrere i Cinque Passi che ti separano dal Successo. Immaginiamo che manchi un anno al tuo appuntamento più importante, la gara su cui hai investito molte risorse, fisiche, mentali ed economiche, perché potrebbe dare una svolta alla tua vita e alla tua carriera. Dopo tanti sacrifici, è arrivato il momento di iniziare a sviluppare la consapevolezza che puoi farcela, che l’obiettivo è alla tua portata. Ti mancano soltanto Cinque Passi:Primo Passo: vivi ogni giorno nella tua mente l’esperienza che affronterai tra 12 mesiSecondo Passo: immagina gli ostacoli che troverai lungo il cammino e superaliTerzo Passo: visualizzati sul gradino più alto del podioQuarto Passo: dormi con la medaglia d’oro sotto al cuscinoQuinto Passo: definisci ogni mattina l’azione più importante da compiere OGGI per avvicinarti all’obiettivoVuoi percorrerli assieme a me? Ascolta la Pillola con attenzione…

Continua...

Le 25 regole di un Atleta Vincente (Strategie e af...

Nella mia lunga esperienza di sportivo e di mental coach, ho avuto a che fare con centinaia di atleti, compagni di squadra, avversari e coachee, che è il termine usato per definire i clienti di un coach. Ho trovato un’umanità molto variegata, formata da persone positive e persone negative; eterni ottimisti e insopportabili lamentosi; compagnoni logorroici e orsi solitari. Con ognuno di questi individui ho adottato adeguate modalità di relazione, fuggendo a gambe levate dai lamentosi e negativi, lasciati con piacere a crogiolarsi nel loro pantano mentale, e cercando di trovare le parole giuste per entrare in empatia con tutti gli altri, anche se non sempre ci sono riuscito. E sai cosa ho capito? Che certe volte è sufficiente una frase, un aforisma noto o inventato sul momento, per sbloccare energie nascoste. Nel tempo, ho raccolto 25 frasi suggestive ed efficaci, alcune mie e altre tratte da citazioni famose, e ho pensato di proporle in questa Pillola, che dunque esce dal solito schema dell’argomento specifico, sotto forma di regole. Se farai tue queste regole, o anche solo alcune di esse, potrai richiamare alla memoria quella giusta quando nella testa iniziano a formarsi pensieri negativi. Al posto di darti spiegazioni cervellotiche e spesso inutili, metti a tacere la tua vocina con una regola, vedrai che funziona!Ecco 3 delle 25 regole. Scopri le altre 22 nel video…1. Non ci sono scuse che tengano: la responsabilità della tua prestazione è soltanto tua.2. Quando gareggi “per vincere”, non hai nulla da perdere, mentre quando gareggi “per non perdere”, hai tutto da perdere e nulla da guadagnare.3. Allenati ogni giorno con consapevolezza e concentrazione, come se fosse la tua gara più importante, e affronta la tua gara più importante come se fosse un normale allenamento.Alla fine, scegli le tre regole che ti hanno colpito di più, che hanno suscitato in te le reazioni più potenti. Scrivilo nei commenti. Sarà utile a tutti avere un quadro dei diversi livelli di osservazione, ossia dei tasti che ciascuna regola riesce a far suonare, delle sensazioni che scatena e del perché ciò accade.

Continua...

Come un calciatore può superare lo stress della p...

Questa settimana si parla del caso di un calciatore professionista che si è ritrovato in anchina dopo un infortunio e sta vivendo un periodi di grande stress e pessimismo.Ecco cosa mi ha scritto Alex:«Ciao Massimo, ho 22 anni, attualmente gioco nella xxx, in Lega Pro. La mia carriera è stata molto veloce, perché 4 anni fa, dopo una stagione in Serie D e quella successiva in serie B, ho fatto l’esordio in Serie A. Era un sogno che si avverava, ero felicissimo, però dopo poche giornate ho avuto un grave infortunio.Quando ho ripreso ad allenarmi, dopo la riabilitazione, non mi sentivo più aggressivo come prima, ero debole di testa. Le ultime partite del campionato, come puoi immaginare, le ho fatte in panchina e da quel momento ho perso la fiducia in me stesso. A fine stagione sono stato ceduto alla xxx, ma è stato un anno deludente, per me. Mi sentivo dire che non credevo più nei miei mezzi e così, anno dopo anno, sono tornato indietro, fino alla Lega Pro. Anche in questo periodo sono in panchina perché il Mister preferisce mettere in campo un altro attaccante, più anziano di me. La settimana scorsa mi ha fatto entrare a due minuti dalla fine, in una partita che stavamo perdendo. Speravo che mi facesse entrare molto prima, ero lì che fremevo per giocare e dentro di me dicevo, scusa la franchezza, ma è per farti capire, “Sono qui a farmi prendere per il cxxo”, “Mi sono rotto il cxxxo di questa situazione” e così via. Sono entrato e non vedevo l’ora che quei due minuti finissero. Così non posso andare avanti. Forse devo smettere di giocare. Grazie». Il grave infortunio che ha subito ha minato alle fondamenta la sua autostima. Se avessimo avuto la possibilità di lavorare assieme fin da quei primi momenti di pessimismo e di sfiducia, forse oggi la sua storia sarebbe diversa, e lo sottolineo soltanto per ribadire l’importanza dell’allenamento mentale nella fase di recupero post infortunio, nei periodi di inattività o di riabilitazione, quando un atleta è molto vulnerabile, dal punto di vista psicologico. Il segreto, che vale per te, per tutti i calciatori, e più in generale per tutti gli atleti che si trovano a ricoprire il ruolo delle riserve, perché in una squadra ci sono titolari e riserve, fa parte del gioco, è questo: allenati, entra in campo, pensa e comportati COME SE tu fossi nella formazione ufficiale, mettendo da parte ogni pensiero negativo, semplicemente perché non ti è utile. Devi farti trovare pronto a dare il meglio in qualunque istante, perché questo è il ruolo della riserva, e vedrai che ben presto arriverà la svolta.

Continua...

Pensa, allenati, gareggia e vivi come un campione ...

Quando spiego come funziona la visualizzazione ad atleti in erba, soprattutto se si tratta di insegnare il modo migliore per costruire nella mente, grazie alla potenza dell’immaginazione, un gesto atletico, una tecnica o un movimento ancora non ben assimilato, suggerisco di guardare un video del loro idolo mentre esegue proprio quell’azione. Questo stratagemma aiuta i più piccoli, che hanno la capacità di lavorare con la fantasia ancora intatta, a calarsi nei panni del campione da imitare, a muoversi e ad agire come lui, e produce dei benefici che vanno molto al di là degli scopi per cui si inizia a praticare la visualizzazione. Per puro divertimento, i più piccoli, si immedesimano spontaneamente nel loro campione preferito. Quando vengono avviati all’attività agonistica, finché non sviluppano la piena consapevolezza delle loro potenzialità, si allenano e gareggiano immaginando di essere nei panni del fuoriclasse che vorrebbero diventare, e questo esercizio, che va incentivato, funziona, perché è il principio che sta alla base della visualizzazione, del “se lo vedi, puoi crederci”. I bambini pensano di essere OGGI dei campioni, vivono nel loro presente magico, giocano sempre per vincere e apprendono nuove abilità con una velocità sorprendente.Purtroppo, questa straordinaria capacità si affievolisce con la crescita e l’immaginazione fervida e spontanea lascia il posto alla presa di coscienza della realtà, ai pensieri, positivi o negativi, e alle immagini, altrettanto positive o negative. Subentrano le paure, ossia tanto la paura di vincere quanto la paura di perdere, l’ansia da prestazione e tutto ciò che può condizionare il raggiungimento del successo. Ecco la domanda fatidica: si può ritrovare lo spirito del “facciamo finta che…”, ossia la capacità che avevamo da bambini di immaginare e di credere fermamente di essere un campione o un personaggio importante, per diventare Atleti Vincenti? La risposta è sì. Anche quando abbiamo perso la capacità di giocare avvolti dai fumi magici del mondo della fantasia, grazie alla forza di volontà possiamo imparare a vivere in modo autentico in una circostanza immaginaria, come se fossimo attori che devono interpretare una parte. Proprio come fa un bravo attore, anche l’atleta che inizia a pensare e a vivere da campione pian piano sviluppa la consapevolezza dell’agire per vincere e fa in modo che qualcosa di positivo accada sempre. Se gareggi “per vincere”, non hai nulla da perdere, perché anche in caso di mancato raggiungimento dell’obiettivo dirai a te stesso che OGGI non ce l’hai fatta, e così facendo metterai subito da parte la sconfitta e ripartirai verso il nuovo obiettivo vincente. Se gareggi “per non perdere”, invece, ti cali fin dall’inizio nella parte del “non vincente”, un ruolo in cui hai tutto da perdere e nulla da guadagnare. Se gareggi per vincere, vuol dire che hai fiducia nelle tue possibilità e darai il meglio di te, mentre se gareggi per non perdere significa soltanto che adotti una strategia di sopravvivenza o, ancora peggio, che hai paura, e la paura è un mostro che va spezzettato.Se intendi diventare un Atleta Vincente, pensa come un campione, agisci come un campione, allenati come un campione, gareggia come un campione: vivi e comportati da campione. Il resto, te lo assicuro, sono soltanto chiacchiere dalle quali stare alla larga. Vuoi percorrere con me la strada che ti porterà a diventare un Atleta Vincente, ossia un atleta che adotta le strategie dei campioni e che in gara dà il massimo senza farsi pippe mentali? Contattami e ne parliamo.

Continua...

Botta e Risposta: come si fa a restare “in bolla...

Nelle mie Pillole uso con una certa frequenza il termine “bolla” e l’espressione “stare in bolla”. Tra l’altro, a questa strategia mentale molto efficace è dedicata l’ottava sessione del videocorso Atleta Vincente, al quale, ne approfitto per ricordarlo, ti puoi iscrivere gratuitamente con un clic e guardare tre video molto importanti: http://atletavincente.comDunque, cos’è questa “bolla” e come si fa a restarci dentro?Ecco cosa mi ha scritto Paolo:«Ciao Massimo, mi chiamo Paolo, pratico il tiro al volo, specialità skeet. Ti seguo da tempo e cerco di mettere in atto tutti i tuoi consigli per migliorare le prestazioni sportive. Il mio problema è che quando sbaglio un colpo, soprattutto se succede nell’ultimo giro, comincio a pensare a un milione di cose e, come dici tu, vado “fuori bolla”. Come posso fare per restare nella mia bolla per tutto il tempo che mi serve, e cioè almeno fino all’ultimo piattello? Grazie».A beneficio di chi non ne avesse ancora sentito parlare, facciamo un po’ di ripasso. Cos’è questa “bolla”?È una metafora che mi serve per far capire che quando siamo al massimo, concentrati su ciò che stiamo facendo e consapevoli del nostro presente, attorno a noi si crea una zona di energia molto potente e noi riusciamo a dominare le nostre emozioni e a dare il meglio senza sforzo. Questa zona però non è confinata e protetta da uno scudo spaziale a prova di missile atomico, ma è racchiusa da un velo trasparente, sottile e vulnerabile proprio come quello di una bolla di sapone. Ecco, è questa l’immagine che meglio di ogni altra rappresenta la nostra bolla: un involucro molto fragile, perché basta poco per farla scoppiare. Ho reso l’idea?Finché siamo nel nostro “stato di grazia”, ossia per tutto il tempo in cui sperimentiamo consapevolmente il livello ottimale di attivazione e di concentrazione, in funzione dell’attività sportiva praticata, la mente è sgombra da pensieri negativi, siamo totalmente immersi nello stato presente e proviamo la piacevole sensazione di avere il pieno controllo del nostro corpo e delle nostre azioni. Dentro alla bolla, la consapevolezza del presente, ossia di quello che stiamo facendo, è massima e non c’è alcun bisogno di ricevere altri stimoli esterni. Il problema, ed è qui che nascono i guai di Paolo e di tutti coloro che a un certo punto vanno in tilt, è che questa protezione, come dicevo, è molto vulnerabile.

Continua...

Ottimismo e guarigione (I ‘miracoli’ del Pensi...

Sai cos’è l’“effetto placebo”? Il placebo è una pillola, non di Coaching ma di zucchero, che viene somministrata in una sperimentazione “spacciandola” per farmaco potente. Se chi la assume è effettivamente convinto che si tratti di un rimedio utile per la patologia di cui è affetto, può conseguire un miglioramento delle sue condizioni di salute, in taluni casi paragonabile all’effetto che avrebbe avuto un farmaco vero. Questo miglioramento, indotto dalle aspettative legate alla presunta medicina miracolosa, ossia dal pensiero positivo che tali speranze scatena nella mente del malato, viene definito “effetto placebo”. Riesci a indovinare cosa accade, invece, se una persona malata non ripone fiducia in un farmaco o in una terapia, cioè se rinuncia a credere nella possibilità di guarire? In tutte le Pillole, questa volta sì, di Coaching, in cui parlo di pensiero positivo, spiego che i pensieri scatenano la produzione di immagini, e poiché il nostro sistema nervoso non è in grado di distinguere la differenza tra un evento reale e uno intensamente immaginato, è evidente che un pensiero negativo scatenerà soltanto immagini negative, laddove un pensiero positivo farà affiorare immagini positive. Quando parlo di pensiero positivo, intendo definire un atteggiamento nei confronti della vita improntato sulla curiosità, sulla creatività, sulla voglia di imparare ogni giorno qualcosa di nuovo. Le persone positive e proattive vivono e mantengono corpo e mente efficienti molto più a lungo delle persone negative, perciò il “miracolo” del pensiero positivo, come l’ho definito, non è altro che il risultato dell’entusiasmo, della forza interiore che attira energia vitale. Occorre mantenere intatta la fiducia nelle proprie capacità di “guarigione”, trovare il coraggio di osare sempre e sfoderare l’ottimismo di dirsi “ce la posso fare anche questa volta”. Attenzione: uso il termine “guarigione” nel suo significato più esteso possibile, perché si può e si deve avere fede nella possibilità di guarire da una malattia, da una delusione, da un piccolo insuccesso o da un grande fallimento. La persona positiva e vincente non conosce la frase malefica “è troppo tardi per…”: non è MAI troppo tardi per …ricominciare da capo, …sorprendersi nei confronti del nuovo, …svolgere attività fisica, anche vigorosa e per qualsiasi altra iniziativa che possa essere definita con un obiettivo SMART-P, ossia un obiettivo Specifico, Misurabile in modo oggettivo, orientato all’Azione, Realistico, cioè considerato effettivamente raggiungibile, fissato in un arco di Tempo ben preciso e Positivo.Che poi, lasciamelo dire, l’unico vero scopo della vita non è proprio quello di vivere a lungo in modo intenso, consapevole e positivo?A mio modesto parere, vivere una vita intensa, consapevole, ricca di entusiasmo e di aspettative positive si avvicina molto al concetto ideale di felicità. Il resto sono solo chiacchiere…Vuoi saperne di più sul percorso che potresti fare assieme a me per cambiare qualcosa nella tua vita e produrre il “miracolo” del pensiero positivo? Contattami e ne parliamo.

Continua...

Coaching, il pensiero negativo e la trappola della...

Questa settimana si parla della trappola del pensiero negativo, quel processo per cui hai l’illusione di formulare pensieri positivi ma in realtà nella tua mente è in corso un diluvio universale di pensieri negativi e velenosi, e di conseguenza di immagini negative e malefiche.Ecco cosa mi ha scritto Irina (il nome è di fantasia), una giocatrice di freccette di livello nazionale:«Ciao Massimo, sono Irina. Ieri ho avuto una gara di freccette e mi è andata malissimo! Sono disperata, mi viene da piangere... Non ho fatto altro che ripetermi pensieri positivi e cercare di concentrarmi al 100% sulle partite, ma non c’è stato niente da fare. Non riesco a restare concentrata, mi faccio prendere dal panico, perché quello che visualizzo con la testa non coincide con i fatti reali. Non sono stata capace di lottare come una degna avversaria. Mi sembra di avere perso lo smalto, e di non essere più capace in niente. Forse non ho compreso bene i tuoi insegnamenti, ho bisogno di aiuto. Mentre giocavo mi venivano strani pensieri, proprio mentre lanciavo le freccette. Mi sono detta STOP, ma questi pensieri non mi hanno mollata un secondo. Cosa devo fare? Ciao Irina».Irina, giocatrice di freccette che fa parte della squadra nazionale, mi aveva già contattato qualche settimana fa per dirmi che nell’ultimo anno aveva attraversato momenti di totale fiducia in sé stessa e momenti pieni di paure e insicurezze, di perdita di concentrazione. Diceva che le capita molto spesso di avere dei pensieri negativi durante le partite, che le provocano ansia e paura di non farcela. Altre volte le tremano le gambe e le braccia, il cuore le va a mille e proprio la freccetta più importante da lanciare, quella che servirebbe per chiudere la partita, la sente «pesante come un macigno». Sa che può «diventare la numero uno» (sono sempre sue parole), ma le serve aiuto.Ascolta cosa le ho risposto…Hai una domanda da rivolgermi? Scrivila nei commenti, oppure visita il sito massimobinelli.it, inserisci il tuo nome e la tua email più importante per iscriverti e per ricevere subito la mia Guida per la tua crescita personale, poi clicca su Contattami: trovi tutte le istruzioni per inviarmi un messaggio. Se il tuo quesito sarà di interesse generale, ti risponderò in uno dei prossimi Botta e Risposta!

Continua...

Le parole inutili sono veleno (Il valore del silen...

Le chiacchiere inutili sono velenose per tutti, per chi le subisce e, soprattutto, per chi le alimenta. Chi si lamenta è convinto che sfogarsi con qualcuno lo faccia star meglio, lo aiuti a scaricare le tensioni, ma è soltanto un’illusione, perché continuare a parlare dei propri problemi non fa altro che tenerli vivi, costantemente ancorati al presente, anche quando si tratta di situazioni che risalgono al passato remoto.Che fare, dunque, quando la testa è affollata da lamenti e tormenti che non danno pace? La soluzione è semplice: entrare nel mondo del silenzio.Sì, hai capito bene, il silenzio. Il silenzio è una cura meravigliosa per la mente. Nella pratica della meditazione si cerca di raggiungere il silenzio dei pensieri, perché in quella condizione la mente riposa ed inizia a rigenerarsi. Alla stessa stregua, dobbiamo provare il valore del silenzio delle parole, anch’esso curativo e foriero di benessere. Dobbiamo imparare a far scivolare dolcemente nell’oblio tutto ciò che ci ossessiona, perché le parole inutili stancano, chi le pronuncia e chi le ascolta, e impediscono al cervello di recuperare le energie, in un circolo vizioso dal quale non è facile uscire. Da tempo si sente parlare dei benefici del digiuno, una pratica a scopo purificatore o terapeutico la cui efficacia è stata oggetto di indagini scientifiche. Ebbene, il silenzio consapevole può avere per la mente lo stesso effetto che il digiuno ha per il corpo. Se ne hai la possibilità, prova a prenderti un’ora, mezza giornata o un giorno intero tutto per te e proclama lo “sciopero dell’ugola”. Sarà dura isolarsi dal mondo, evitare di rispondere al telefono (si potrebbe inviare un messaggio…) e sottrarsi alle tentazioni del pettegolezzo selvaggio, ma scoprirai quanto può essere benefico.Oltre ad apprezzare il valore del silenzio, cosa si può fare grazie all’allenamento mentale per abbandonare il personaggio nel quale ci ritroviamo imprigionati e riscoprire la vera essenza di sé, la propria identità? Innanzitutto si può imparare a controllare e riformulare i pensieri in modo corretto. Poi è possibile apprendere le tecniche per visualizzare se stessi in modo positivo, affinché la mente possa credere che esiste un’alternativa al buio. Vuoi saperne di più sul percorso che potresti fare assieme a me per riappropriarti della tua positività?

Continua...

Come essere felici, sani e avere successo (Persona...

È stato provato in modo inconfutabile che esistono persone portate al raggiungimento della felicità e persone che attraggono l’infelicità; soggetti sani e soggetti portati alle malattie; individui orientati al successo e individui condannati a fallire. Non si tratta di predestinazione o di karma negativo, bensì è il prodotto della cosiddetta “immagine dell’io”, che può essere considerata la chiave della personalità e del comportamento dell’essere umano. Si può agire su questa “immagine” per modificarne gli effetti? L’immagine dell’Io è come il programma di un pilota automatico: si impostano i dati della destinazione e i parametri del viaggio e il navigatore fa il resto, ossia conduce il mezzo, aereo o nave che sia, alla meta. Se fallisce l’obiettivo, la “colpa”, salvo casi di avaria, di solito è del programma non corretto. Ebbene, il nostro cervello ha il suo pilota automatico, che ci conduce esattamente dove la mappa mentale che abbiamo attivato gli impone di portarci, a patto che i dati del “programma” siano corretti. La ragione è che la mente agisce sulla base dell’immagine dell’io, ma non ha gli strumenti per valutare se i “dati di navigazione” sono corretti. Il nostro pilota automatico prende semplicemente per buona l’immagine che la mente crea e gli mette a disposizione, perché il sistema nervoso non è in grado di stabilire la differenza tra un’esperienza reale e una intensamente immaginata, dunque l’unico modo per far cambiare rotta al pilota automatico ed evitare lo schianto è quello di agire sull’immagine dell’io, quella che ho definito la chiave della personalità e del comportamento dell’essere umano. Soltanto dopo aver modificato il programma, passando da “persona destinata a fallire” a “persona di successo”, sarà possibile iniziare ad attivare l’attenzione selettiva nei confronti di situazioni positive, di arricchimento, di felicità e di salute. Puoi modificare la tua immagine dell’io, anche se ormai pensi che sia scolpita sul granito, iniziando a riconoscere i tuoi difetti e ad accettarti, ad avere stima e fiducia nelle tue capacità e potenzialità. Soprattutto, devi imparare ad abbandonare la vergogna di agire, cancellando l’idea che ci sia sempre qualcuno pronto a giudicarti, e devi provare la libertà di agire senza finzioni, senza copioni da recitare “perché ormai sei così” e devi mantenere fede alla parte.

Continua...

Pagina 1 di 3
Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Filtro contenuti

Filtra: 
DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd