Filtra: 

La prima tappa della denuncia per abuso sessuale su minore

La prima tappa di un presunto abuso sessuale su minore è un momento delicato che pochi conoscono poiché vi sono delle procedure particolari ma studiate per poter tutelare il minore che viene a contatto con il mondo della giustizia. purtroppo il fenomeno dell’abuso sessuale sul minore è in aumento, così come ce lo confermano i dati EUrispes, Telefono Azzurro, Save the children, ed inoltre è sempre più studiato, ed è sempre più difficile riuscire a smascherarlo poiché si stanno evolvendo le tecniche che gli abusatori mettono in atto per non farsi scoprire e per fare in modo che la vittima mantenga il segreto, ciò accade in particolar modo se si tratta di violenza domestica.

L’unico testimone oculare è colui che ha subito ovvero il minore ed è fondamentale che riesca ad aprirsi ed a raccontare tutta la verità, anche se a volte è stato strumentalizzato da uno dei due genitori a raccontare il falso, ciò accade quando vi sono delle separazioni altamente conflittuali, ma nonostante tutto rimane vittima di un sistema Il minore di solito si confida con un adulto di riferimento, un genitore, un docente, una zia, un amico di famiglia, il pediatra che mettono in atto la fase relativa la denuncia presso le Forze dell'Ordine.

Il passo seguente è la testimonianza, secondo la legge, che deve fare di fronte agli operatori della giustizia, ovvero raccontare il tutto alla Polizia od i Carabinieri ed uno psicologo forense. nominato dal Pubblico Ministero (Codice Rosso). Per fare in modo che abbia un’assistenza e sia tutelato vengono nominati dal Pubblico Ministero degli psicologi esperti in materia di psicologia giuridica, che con gli strumenti a disposizione e le competenze necesarie, hanno il compito di effettuare un’intervista mettendo a proprio agio la presunta vittima, stimolandola nel raccontare la verità, coaudiuvando la Polizia Giudiziaria e cercando di minimizzare se non prevenire fattori di rischio che potrebbero arrecare altri danni al minore. Il loro lavoro avviene all’interno di un’attività denominata audizione protetta, ed avviene in un luogo consono ad ascoltare il minore, gli esperti devono mettere in atto un’adeguata metodologia, riconosciuta dalla comunità scientifica ed utilizzando delle linee guida (Carta di Noto, SINPIA, linee dell’Ordine degli Psicologi del Lazio). Nel luogo in cui viene svolta l’audizione protetta vi sarà una telecamera ed un registratore in modo tale da poter fornire al Pubblico ministero e poi al Magistrato e all’indagato la prova testimoniale che sarà la base del procedimento penale, che si articolerà in incidente probatorio e poi dibattimento.

Autore: 

Altri Contenuti in questo Argomento

I consigli dello psicologo... in tempi di quarantena
Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Filtro contenuti

Filtra: 
DMC Firewall is a Joomla Security extension!