Filtra: 

Ormoni e allenamento

L'argomento che ci apprestiamo a trattare in questo articolo rigurarda "la stimolazione ormonale durante l'allenamento" e di come, attraverso un riflessivo impiego di taluni concetti, sia possibile trarre il massimo guadagno da ogni singolo allenamento, inteso sia in termini di massa, forza e dimagrimento, nonchè il raggiungimento di un eccellente stato di salute.

Immaginiamo di eseguire una serie di panca piana bilanciere, 3 serie da 8-10 ripetizione. L'esercizio in questione attiva vari gruppi muscolari che lavorano in sinergia, al fine di completare il movimento.
Il lavoro svolto risulta molto intenso, dalle 8-10 reps consegue una forte scarica neurale e l'attivazione sinergica di plurimi gruppi muscolari provocando una massiva secrezione di ormoni anabolici che sono: testosterone e gh.

Il primo è un forte stimolatore della sintesi proteica, promuovendo la formazione di nuova massa muscolare e il secondo esplica un'azione lipolitica, al fine di ridurre la massa grassa.

Questa tempesta ormonale, avente luogo durante la nostra serie allenante, per essere sfruttata al massimo, deve essere caratterizzata da recuperi non troppo protratti, altrimenti si incorre in un significatico calo. L'arco di tempo che deve intercorrere tra una serie e la successiva deve aggirarsi intorno ai 45-90 secondi.
Adoperando recuperi brevi ci ritroveremo a lavorare in un'ambiente lattacido, la presenza di acido lattico nei muscoli durante comporta oltre alla massima stimolazione dagli ormoni anabolici citati poc'anzi, anche alla secrezione di un'altro importante ormone anabolico l'IGF-1, quest'ultimo è responsabile della conversione delle stam cell, le cosiddette cellule satelliti, in nuove fibre muscolari (iperplasia).

Da puntualizzare che la secrezione di questo fattore di crescita è ancor più stimolato da movimenti eccentrici (fase di "ritorno" di una ripetizione), molto lenti ed ad alta intensità, quindi è plausibile inserire nei propri allenamenti, con le dovute cautele, alcune ripetizioni negative.

Quanto descritto può essere vanificato inevitabilmente dalla produzione dei loro ormoni antagonisti, ovvero il cortisolo, un ormone altamente catabolico, ostacolando la crescita muscolare e il dimagrimento. Questo ormone viene prodotto quando gli allenamenti si prolungano oltre i 45/50 minuti (a seconda delle capacità di recupero dei soggetti, nei soggetti allenati i tempi sono maggiori).

Ricapitolando per un'ottimo allenamento ipertrofico i capisaldi sono: alta intensità, recuperi brevi e basso volume di lavoro. Questo discorso vale anche per quei soggetti che si pongono come obiettivo primario la diminuzione del grasso corporeo, le sedute aerobiche non devono mai superare i 60 minuti, per non incorrere in un'iperproduzione di ormoni catabolici.

Autore: 

Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Filtro contenuti

Filtra: 
Our website is protected by DMC Firewall!