Filtra: 

La dieta alcalina come rimedio all'acidosi cronica

Abbiamo visto, in un mio precedente articolo,  quali sono le conseguenze fisiche dell’acidosi.
Ora vediamo cosa poter fare per invertire questo stato di cose.

Il cibo e le bevande che utilizziamo ogni giorno sono “produttori di acido”: latte, latticini, proteine animali come anche tutti i cereali, dolci, dessert, vino, birra e caffè sono alimenti acidi.
Ancora peggio i pasti veloci come quelli offerti dai fast-food e gli alimenti precotti.
 
Per eliminare l’acidità organica e rallentare o inibire il processo di distruzione cellulare bisogna intervenire quindi modificando l’alimentazione e adottare una dieta che privilegi l’assunzione di alimenti alcalini come vegetali, frutta fresca, noci, limitando quelli acidi, come cereali, carni e formaggi, alcolici, bevande gassate tipo cola e cibi molto salati.

La dieta alcalina consiglia di consumare ogni giorno il 70-80% di alimenti alcalini per compensare l’assunzione del restante 20/30% di alimenti acidi, comunque necessari alla vita, soprattutto se consideriamo la necessità di un corretto apporto proteico alla nostra alimentazione. Tale modello alimentare è nettamente più vicino a quello seguito dall’uomo fino alla scoperta dell’agricoltura rispetto all’attuale (Paleo Diet?).

Vediamo, nello specifico, quali e quanto sono acidi alcuni cibi e quali quelli alcalini

Il valore positivo accanto all’alimento indica l’acidità; più è alto questo valore e più il cibo è acido. Il valore negativo indica la basicità dell’alimento; più è alto e maggiormente riesce ad abbassare l’acidità nei fluidi corporei.

Esaminiamoli uno per uno e poi tiriamo le nostre conclusioni.
Intanto notiamo che tra i cibi più acidi in assoluto ritroviamo i latticini.
Ma come? Non ci hanno detto per tanti anni che il latte è l’alimento più completo in assoluto? Non ci hanno ripetuto, sino a farci venire il mal di testa, che se vogliamo dare il calcio alle nostra ossa dobbiamo mangiare il parmigiano (+34,2 di acidità). Ora lo ritroviamo tra gli alimenti che causano maggiormente l’acidosi cronica.
Qualcuno potrà obbiettare che comunque ci rifornisce del nostro fabbisogno giornaliero di calcio.

Falso! Compensare un alimento con un grado di acidità +34,2 sarebbe quasi impossibile con l’alimentazione. Dovremmo mangiare almeno una tonnellata di verdura, cosa impossibile ed anche controproducente. Costringeremmo, quindi, il nostro corpo ad attuare contromisure compensatorie evidenziate nella prima parte dell’articolo.

Saremmo costretti a prelevare i sali minerali dalle nostre strutture organiche per mantenere l’omeostasi del nostro ph. Quali sono le strutture del nostro corpo che hanno la maggiore quantità di sali? Ed ancora quale è, oltre al bicarbonato di sodio, il minerale maggiormente alcanalizzante?
La risposta per quanto sconcertante è la seguente: il calcio e le nostra ossa sono i depositi maggiori di questo minerale.
Paradossalmente, l’alimento che ci hanno sempre suggerito contro l’osteoporosi, in definitiva è proprio quello che ci reca più danni.

Vediamo, anche, gli altri alimenti

Ci continuano a dire che che la carne e le proteine animali sono acide. Nella tabella vediamo, però, che il riso ed i tanti amati fiocchi di avena sono decisamente più acidi della carne. I cereali, in genere, hanno uno stesso grado di acidità della carne/pesce/uova. Alla luce di quanto visto credo che abbiate capito tutti che qualcosa non quadra. I vegani esaltano le proprietà negative, acide, della carne non considerando che la tabella degli alimenti acidi/alcalini afferma esattamente il contrario.

Che fare allora? Esattamente quanto detto precedentemente e cioè consumare ogni giorno il 70-80% di alimenti alcalini per compensare l’assunzione del restante 20/30% di alimenti acidi.
Abbinare ad ogni pasto una quota proteica/acida a 2-3 quote alcaline composte prevalentemente di verdure e poca frutta. Tornare, cioè, a quanto facevamo prima dell’avvento dell’agricoltura e dell’alimentazione industriale.

Ma un’alimentazione alcalina non basta. Ancor di più fondamentale importanza è l’acqua.
Il nostro corpo è costituito per il suo 60% di acqua che è quindi  il costituente principale del nostro organismo, tant’è vero che senza assumere acqua la morte sopraggiunge nell’arco di pochi giorni.

L’acqua svolge, infatti, innumerevoli e vitali funzioni:

  • è un ottimo solvente per numerose sostanze chimiche;
  • regola il volume cellulare e la temperatura corporea;
  • favorisce i processi digestivi;
  • consente il trasporto dei nutrienti e la rimozione delle scorie metaboliche.

È fondamentale quindi assicurare al nostro corpo una corretta idratazione ma soprattutto una idratazione con un’acqua che sia biologicamente corretta, ovvero alcalina, cioè ricca di Sali minerali!
La specie umana originatasi e evolutasi nella Rift Valley, prima di partire alla colonizzazione del mondo, si è abbeverata per milioni di anni nelle acque del lago Turkana, il lago alcalino più grande al mondo con un Ph di circa 9,5-9,7.
Ma anche i laghi Malawi e Tanganika ed Eyasi hanno un Ph compreso tra l’8,2 e il 9,4. I milioni di anni trascorsi dalla specie uomo nella Rift Valley hanno scolpito i nostri geni e la chimica del nostro organismo che si è evoluto con una grande disponibilità di liquidi basici necessari ad esplicare tutte le sue funzioni e al mantenimento di una omeostasi alcalina.
 
L’acqua del rubinetto, comunemente considerata potabile, ha un pH che varia da città a città, ma che è quasi sempre neutro. Ed è purtroppo anche caratterizzata negativamente dalla presenza di metalli pesanti. Recente è la scoperta di elevate quantità di arsenico, un metallo di elevatissima tossicità, collegato al carcinoma della vescica e mammario e ad alcune neoplasie della pelle.
 
Altro grande problema  che presenta l’acqua di rubinetto è il fatto che è sottoposta alla clorazione, cioè il trattamento di disinfezione ha lo scopo di distruggere completamente i microrganismi battericidi patogeni. Questo processo, se da un lato disinfetta l’acqua, dall’altro favorisce il rischio di sviluppare il cancro alla vescica e al colon.

Purtroppo anche l’acqua in bottiglia di plastica che compriamo al supermercato presenta i suoi problemi.
Anche se imbottigliata da una sorgente alcalina (per esempio l’“Acqua Panna” ha 8,1), perde quasi subito la sua basicità, perché la plastica permette al biossido di carbonio dell’atmosfera di passare nell’acqua contenuta e questo forma acido carbonico che abbassa così il pH dell’acqua. Inoltre il pH riportato nelle etichette è misurato alla sorgente, dove l’acqua generalmente è molto fredda e visto che il pH tende ad abbassarsi con il caldo, ci ritroviamo poi a bere nelle nostre tavole un’acqua sostanzialmente sempre neutra o acida, anche se inizialmente era alcalina.
Le bottiglie di plastica presentano, inoltre, il problema del Bisfenolo A, prodotto organico della plastica stessa, che può dare problemi cardiovascolari, diabete e danni epatici.

Si sa ormai da anni che la plastica è un elemento dannoso alla salute, ma è un problema destinato a non trovare una soluzione. Le  industrie delle acque  minerali non sarebbero più in grado di stare sul mercato a causa dei forti costi di produzione se, al posto delle bottiglie di plastica, dette industrie dovessero usare le più sane bottiglie di vetro, come si usava una volta.
È ormai noto anche alla stampa che l’esposizione alle fonti di calore, e quindi alla luce solare, dell’acqua in bottiglia di plastica è altamente dannosa per la salute. Il calore infatti reagisce con i prodotti chimici della plastica rilasciando diossina, imputata di essere una delle principali responsabili nella formazione del cancro al seno. 
Immaginiamoci cosa succede quando un carico di acque minerali in plastica sono trasportate dal nord verso il sud esposte a tutte le intemperie!
A questo punto cosa bisogna fare? Cercare assolutamente un Acqua che corrisponda alle nostre esigenze e che cioè sia alcalina, ricca di sali minerali e biodisponibile.

Attualmente, in commercio, è disponibile uno ionizzatore che soddisfa tutte queste caratteristiche: Acqua Kangen.
Nata in Giappone dall’osservazione della longevità della popolazione degli Hunza ed utilizzata successivamente negli ospedali giapponesi é  diventata presidio medico e poi commercializzata in tutto il mondo.
 

I benefici di Acqua Kangen

Antiossidante

Acqua Kangen ha delle proprietà antiossidanti straordinarie, donandoti energia attraverso l’ossigeno attivo.
Ha una forte carica negativa di ORP (potenziale di ossido riduzione)
La normale acqua di rubinetto ha un ORP sopra lo zero e quindi positivo, con dei valori medi elevati, e di conseguenza non ha nessun potere antiossidante.

Equilibrio del pH

Le malattie prosperano in un ambiente acido, mentre non possono sopravvivere in un ambiente alcalino.
Aumentando il pH, il tuo corpo è in grado di utilizzare tutte le sue difese immunitarie per combattere batteri, virus e malattie.
Quando il pH del corpo è bilanciato verso il 7.0, tutte le funzioni dell’organismo lavorano in maniera ottimale, compreso il sistema immunitario.
Siamo sempre alla ricerca di un pH equilibrato, ed Acqua Kangen ti aiuta a trovare il giusto equilibrio e stabilizzarlo nel tempo.

Disintossicazione

Quando cominci a bere Acqua Kangen alcalina, inizi a pulire il tuo apparato digestivo, il primo passo per iniziare una corretta disintossicazione. Senza un intestino pulito, una corretta disintossicazione dei tessuti sarebbe molto difficile.
Acqua Kangen ti offre diversi livelli di acqua con pH alcalini, è importante per le persone che hanno sviluppato un accumulo di sostanze tossiche nel corpo, inizino a bere Acqua Kangen partendo dal livello più basso, ovvero pH 8.5
Questo permette una disintossicazione graduale  regolando il proprio livello di pH.
Poi si può aumentare il grado di pH a 9.0 e, successivamente, a 9.5

Idratazione

L’acqua ionizzata ha una capacità maggiore di muoversi nel corpo umano del 30% in più rispetto all’acqua convenzionale.
L’acqua Kangen ha un potere di idratazione sei volte maggiore rispetto all’acqua normale. Nei torrenti di montagna dove l’acqua rimbalza sulle rocce, produce l’effetto di ionizzazione attraverso la creazione di ioni di idrossido.
Questo si verifica anche nelle cascate o quando le onde si infrangono sulle rocce o sulla spiaggia.
Le molecole di acqua normale formano gruppi di 10 o più grappoli, mentre Acqua Kangen ha una struttura di circa 6.
Questa struttura molecolare si presenta in forma esagonale, penetra nel tessuto del tuo corpo più efficacemente ed è più assorbibile dall’organismo rispetto all’acqua normale.
Viene chiamato micro-cluster o acqua micro strutturata, con ha una capacità di idratazione di gran lunga superiore.
Ogni aspetto della guarigione può essere rafforzata attraverso una corretta idratazione, aumentando l’energia disponibile dell’organismo.
 

I benefici dell’acqua acida

Pelle, capelli e cuoio capelluto

Poiché la pelle ed i capelli sono leggermente acidi, l’acqua acida è perfetta.

Quando l’acqua acida viene applicata sulla pelle agisce come astringente ed aiuta ad eliminare le rughe.
Al contrario degli altri astringenti non lascia nessun tipo di residuo chimico sulla pelle.
L’acqua Kangen aiuta anche nei casi di macchie della pelle ed acne. Per ottenere una pelle più morbida è consigliabile aggiungere 3 – 4  litri di acqua acida all’interno della vasca da bagno prima di immergersi.
Dopo la doccia è consigliabile versare dell’acqua acida sopra la testa.
Inoltre è adatta per le verruche ed i funghi, per la cura di eruzioni cutanee, ferite, graffi,etc.
Per pelle secca è consigliabile starne in ammollo per circa 20 – 30 minuti.

L’Acqua Kangen acida aiuta anche a rimuovere i pungiglioni dopo le punture di insetto ed il gonfiore derivato dalle punture di zanzara.
Favorisce la crescita delle piante: la crescita e la salute delle piante può essere rafforzata con l’uso dell’acqua Kangen acida.
Le piante crescono molto bene se il terreno è leggermente acido, di conseguenza il pH dell’Acqua Kangen acida è perfetto.
Ritarda la crescita batterica: l’acqua acida ionizzata è in grado di uccidere i batteri al contatto. La sua efficacia dipende da quanto sarà alto il valore di ORP e dal pH.
Con un pH 2.5 ed un valore ORP di + 1100 mV i batteri vengono uccisi al contatto con l’acqua acida.
 

Perdita del peso

La maggior parte delle diete comportano una riduzione dell’apporto calorico ed una costante attività fisica per incrementare il metabolismo.
Ciò che molte diete non riescono a sottolineare è l’importanza dell’acqua alcalina.
L’acqua è alla base di tutto ciò che porta alla perdita del peso in eccesso.
Attraverso l’acqua il tuo fegato riesce ad utilizzare e metabolizzare il grasso immagazzinato per trasformarlo in energia.
L’acqua favorisce il trasporto delle sostanze nutritive attraverso il corpo, contribuendo alla costruzione di massa muscolare durante gli allenamenti o quando svolgi esercizio fisico finalizzato alla perdita del peso.
Un aumento della massa muscolare porta ad un aumento del tasso metabolico.
Quando si beve acqua, i nervi simpatici vengono stimolati, attivando il metabolismo energetico ed aumentando il consumo calorico, che si traduce in perdita di peso.
Quando si stimolano i nervi simpatici, si secerne adrenalina.
L’adrenalina attiva la lipasi, un ormone sensibile che si trova nel tessuto adiposo, e rompendo i trigliceridi in acidi, grassi e glicerolo, rende più facile bruciare il grasso accumulato nel corpo.

Ci sono delle ricerche che evidenziano come il consumo calorico aumenta attraverso il consumo di acqua alcalina

L’alimentazione non è l'unico stimolo acido.
Anche le preoccupazioni, l’ansia, la paura, la stessa attività fisica, lo stress sono fattori in grado di produrre acidità organica, e così pure le sostanze inquinanti e le eventuali tossine presenti nell’ambiente in cui viviamo.
Allenamenti giornalieri in palestra, training prolungati, allenamenti aerobici ed anaerobici senza i dovuti recuperi sono altri elementi che vanno controllati.
Voglio ricordare che l’acido lattico, prodotto di scarto di un allenamento anaerobico è, per l’appunto, un acido.
Ricordo, inoltre, che gli allenamenti aerobici di durata sono tra gli stimoli, proprio per lo scambio respiratorio, con la maggiore produzione di radicali liberi.
Alleniamoci, dunque, tenendo sempre presente questi elementi. Utilizziamo integratori alcalini nel pre o post allenamento anaerobico (Basenpulver).
Recuperiamo tra un training ed un altro. Limitiamo i nostri allenamenti a tempi inferiori ai 60 minuti.
A questo punto credo di avere dato tutti gli elementi per dare una svolta decisa e netta alla vostra vita.

A voi la scelta se continuare a seguire un’alimentazione acida, uno stile di vita acido o passare ad una alimentazione e stile di vita alcalino.
Paleo Diet -Training in stile BIIO - Acqua Kangen - le mie indicazioni.

Are you looking for the best website template for your web project? Look no further as you are already in the right place! In our website templates section you will find tons of beautiful designs - for any kind of business and of any style. You are in a unique place - join us today BIGtheme NET

Filtro contenuti

Filtra: 
DMC Firewall is a Joomla Security extension!